Cosa vedere a Londra in un giorno

468
ponte sul Tamigi

Ricca di storia e di attrazioni culturali, Londra è una delle città più emozionanti del mondo, soprattutto dalla prospettiva di un turista. Tuttavia, le sue dimensioni possono rappresentare una sfida per chi ha solo un giorno di tempo per visitarla. Ma niente paura: con una buona pianificazione è possibile vedere alcuni dei luoghi più iconici della capitale inglese anche in sole 24 ore. Scopriamo quali.

Il Big Ben

Autentico emblema della città, il Big Ben è una delle attrazioni più iconiche di Londra. Si staglia sullo skyline con il suo profilo maestoso, che ricorda a cittadini e turisti il potere e il ruolo che il Regno Unito ha avuto nel corso dei secoli. Oltre ad essere estremamente affascinante, questo orologio è considerato il più preciso al mondo.

Il Palace of Westminster

Sebbene il suo aspetto possa far pensare ad una vera e propria residenza, il Palace of Westminster è la sede del Governo Inglese. Si trova a pochi passi dal Big Ben, ed è caratterizzato dallo stile neogotico. Con le sue 1200 stanze, ospita sia le riunioni della House of Commons sia quelle della House of Lords, le due camere che compongono il parlamento britannico.

La Westminster Abbey

Nella stessa area del Palace of Westminster troviamo la Westminster Abbey. È uno dei luoghi di culto più famosi del Vecchio Continente, dove si tengono le celebrazioni più importanti per la monarchia britannica, come le incoronazioni e i matrimoni dei membri della famiglia reale. La prima incoronazione che ha avuto luogo in questa abbazia risale al 1066.

Visitare la Westminster Abbey è anche l’occasione per ammirare la bellezza di una delle cappelle più famose e apprezzate del paese, la Lady Chapel. Realizzata nel 1503 per volere di Enrico VII, è separata dal resto dell’edificio grazie a dei cancelli di ottone e si caratterizza per il singolare soffitto a volta a ventaglio pendente. L’altare è contenuto all’interno dell’abside e dietro allo stesso si trovano le tombe di Enrico VII e della regina consorte.

Un’altra zona molto famosa della Westminster Abbey è l’Angolo dei Poeti. Si tratta di un’area interna alla chiesa dove sono sepolti i grandi della letteratura inglese, tra cui spiccano Charles Dickens e William Shakespeare.

Il London Eye

Nella zona di Westminster si trova anche il London Eye: la ruota panoramica più famosa dell’Inghilterra, in cui vale senza dubbio la pena fare un giro se si staziona a Londra per un solo giorno. Regala infatti scorci mozzafiato sulla città, permettendo di ammirare anche zone che non si avranno il tempo di raggiungere. Senza contare che nei 30 minuti di durata del giro, ci sono moltissime occasioni di scattare selfie e foto del panorama cittadino.

Le cabine arrivano ad un’altezza di 135 metri e la ruota è una delle più grandi al mondo. La posizione poi è particolarmente suggestiva, perché la ruota panoramica si trova sulla riva del Tamigi, a poca distanza dal Westminster Bridge.

Il Tower Bridge

Insieme al Big Ben, il Tower Bridge è uno dei simboli di Londra. Questo famosissimo ponte levatoio unisce l’area di Southwark alla Torre di Londra ed è senza dubbio uno dei luoghi migliori per scattare delle foto ricordo del viaggio a Londra. Le due torri che si trovano alle estremità del ponte sono unite da una passerella in vetro.

Attenzione però: una tappa del genere rischia di portare via almeno due ore di tempo, perché la fila alla biglietteria è sempre molto nutrita. Per una gita di un solo giorno, meglio non indugiare e limitarsi a scattare qualche foto.

La Torre di Londra

Voglia di fare un tuffo nella storia di Londra? Allora questa è l’attrazione che non deve mancare nell’itinerario del tour cittadino, sia pure per una gita breve come quella che si può organizzare per una visita di una sola giornata.

Si trova nelle immediate vicinanze del Tower Bridge ed è una delle attrazioni più emblematiche della città. La Torre di Londra fa parte di un complesso murario fortificato che risale al periodo della dominazione normanna, e con i suoi oltre 1000 anni di storia ha ricoperto diversi ruoli nel corso della storia inglese. Riconosciuta Patrimonio dell’UNESCO, è oggi adibita a museo. Al suo interno sono infatti custoditi i gioielli della corona.

Buckingham Palace

Cuore pulsante della monarchia britannica, Buckingham Palace è la residenza ufficiale dei monarchi inglesi. Questo imponente palazzo in stile neoclassico è stato costruito nel 1703 per volere di John Sheffield (all’epoca duca di Buckingham e Normanby) ed era originariamente noto come Buckingham House.

È diventato la residenza ufficiale della monarchia nel 1837, con l’ascesa al trono della Regina Vittoria nel 1837. Da allora, è stato testimone di molte delle più importanti cerimonie e avvenimenti storici del Regno Unito. Si compone di 775 stanze e comprende un parco di 20 ettari.

Sebbene sia visitabile solo in parte, Buckingham Palace è una tappa obbligata per un viaggio alla scoperta delle bellezze di Londra. Chi non intende entrare per ammirare la celebre Ala Ovest dovrebbe comunque considerare di fermarsi almeno per assistere al cambio della guardia, che nel periodo estivo si svolge alle 11:00 circa.