Weekend a Bologna: città magica in autunno

49
Weekend a Bologna città magica in autunno

Ci sono città che entrano nel cuore, capaci di sorprendere sempre ed entusiasmare. Belle in tutte le stagioni, grazie alla cultura strabiliante e all’ospitalità accogliente. In Italia questi luoghi non mancano e la scelta sul dove trascorrere un weekend è sempre difficile, ma solo per la varietà delle bellezze da scoprire.

Se l’idea di evadere alla ricerca di atmosfere senza tempo vi piace, e magari trovare qualche offerta interessante complice il Black Friday che cade il 26 novembre, Bologna rimane la meta ideale. Scoprirete una città magica, da girare a piedi, in monopattino e persino in bicicletta. I portici vi offriranno riparo e conforto anche nel caso incontraste la pioggia e i numerosi eventi realizzati vi daranno quella sensazione di puro godimento per la quale l’Emilia Romagna è famosa nel mondo. Pronti a partire?

Dove alloggiare a Bologna e cosa vedere

A Bologna le proposte per quanto riguarda l’hotellerie non mancano. Particolarmente interessante è la scelta di una suite che si trova vicino alle maggiori attrazioni della città. Un ambiente dove sentirsi come a casa propria, all’interno di una struttura allo stesso tempo lussuosa e accogliente. Un soggiorno a Bologna esclusivo e riservato dove si potranno consumare i pasti in tutta comodità dopo una giornata trascorsa a bighellonare tra le attrazioni che il capoluogo dell’Emilia Romagna presenta in tutte le stagioni.

Cosa assolutamente visitare? La scelta è davvero ampia ma il consiglio è quello di partire da Piazza Grande, così come la chiama Lucio Dalla in una sua celebre canzone, conosciuta anche col nome di Piazza Maggiore. Gli stili che si trovano in questo luogo espressione dell’incontro per eccellenza sono diversi: dal liberty all’archeologico più puro e antico, come testimoniano i reperti della Sala Borsa all’interno della Biblioteca Multimediale. Del resto le origini di Bologna, il cui nome deriva da “bononia”, termine di origine celtica poi latinizzato, risalgono al XI secolo a.C, periodo a cui è attribuita la fondazione della città.

In Piazza Grande troverete edifici e chiese così interessanti che non saprete, seduti a rimirare il tutto dalla scalinata di San Petronio, da cosa iniziare. Impossibile non poggiare lo sguardo sulla Fontana di Nettuno del Giambologna, capace di stupire ed esaltare con le sue forme maestose. Da qui la tentazione di spostarsi c’è, visto che non lontano ci sono due delle torri per cui la città è famosa nel mondo: quella degli Asinelli e della Garisenda.

Il bello di Bologna è, inoltre, che potete spostarvi anche ignorando il gps perché, come dice ancora una volta Lucio Dalla, “nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino”. Un’esperienza di gioia pura da fare in compagnia degli amici o della persona amata. Se poi all’improvviso vi troverete nel Ghetto Ebraico proverete una sensazione nostalgica e nuova insieme, grazie all’architettura medievale che è rimasta integra. Un tuffo nel passato dove vi sembrerà di incontrare mercanti e spasimanti, alla ricerca di qualcosa che non c’è (o forse sì): a Bologna per essere felici basta un sorriso. Un luogo, il Ghetto Ebraico, dove gustare anche l’autentica cucina bolognese, quella che è valsa alla città il soprannome de “la Grassa”. Un weekend perfetto sotto tutti i punti di vista.